Nota della Pro Loco di Borgo San Lorenzo su polemiche degli ultimi giorni

Dopo le interrogazioni, i post, i comunicati e le dichiarazioni che in questi giorni hanno visto al centro la Pro Loco di Borgo San Lorenzo forse è il caso che la Pro Loco stessa dica la sua, dal momento che a tutti è stato chiesto fuorchè ai diretti interessati.

Tutto questo interesse per l’attività della Pro Loco sicuramente ci lusinga, segno che l’Associazione, da cinque anni a questa parte è stata protagonista di una metamorfosi che non lascia indifferenti. Dal vin brulè per pochi tesserati in famiglia, siamo passati agli oltre 300 tesserati di quest’anno e ad un calendario di almeno una decina di eventi l’anno di cui la maggior parte creati dal niente dalla Pro Loco stessa in sinergia con l’Amministrazione comunale e con il fondamentale apporto delle associazioni del volontariato sia culturale che non.

Siamo più bravi di altri? No, semplicemente siamo quello che dovrebbe essere una Pro Loco: un’associazione di volontariato apolitica, aperta a tutti e che ha a cuore la promozione e la valorizzazione di Borgo San Lorenzo. Che cerca di dare risposte a chi ci interroga e ci chiede aiuto, che cerca di fare gruppo, di scherzare e divertirsi anche nella fatica e nei momenti difficili. Che cerca di dare opportunità di crescita culturale, di lavoro, di svago, di socializzazione a varie fasce di età e di popolazione, dai più piccoli passando per i giovani fino ai più maturi.

C’è un Presidente che si assume le sue responsabilità, c’è un consiglio che lo appoggia e lo consiglia appunto, e c’è un’assemblea che periodicamente si riunisce e organizza, si scambia idee e magari si trova anche in disaccordo. C’è una sede accessibile a tutti in pieno centro. Ci sono bilanci, pubblici e ben visibili per tutti, fatture da pagare ed altre da riscuotere. Ci sono contributi pubblici anche questi ben visibili a tutti e ci sono richieste di suolo pubblico, scia per somministrazioni, ordinanze, convenzioni, contratti, cud e lettere d’incarico. Tutto assolutamente consultabile. Basta chiedere.

Quindi a chi in questi giorni ha chiesto bilanci e contratti rispondiamo semplicemente che bastava chiedere a noi. Al tempo stesso vorremmo precisare quanto segue:

  • il bilancio 2018 è in fase di elaborazione, la legge ci dà tempo fino ad ottobre per concluderlo e spedirlo a Città Metropolitana come sono stati spediti tutti gli altri in questi anni. Nel frattempo ci siamo dotati di un ulteriore strumento contabile, il bilancio per eventi, che ci permette di vedere quante risorse abbiamo a disposizione su ciascuno evento ed eventualmente investire gli avanzi nelle altre attività dell’associazione.
  • E’ stato chiesto il bilancio 2019. E’ la fine di luglio… A proposito di richieste surreali… In ogni caso lo stesso strumento del bilancio per eventi è disponibile per chi lo voglia consultare ed è già stato più volte portato all’attenzione dell’assemblea dei soci.
  • Infopoint: ci fa molto piacere l’apprezzamento per la collaborazione tra Comune e Pro Loco. Una collaborazione che si è concretizzata in una convezione che stabilisce modalità di apertura ed erogazione del servizio. Apprezzamento che si poteva palesare di persona: sarebbe stata l’occasione per poter consultare il verbale della commissione che ha valutato i curriculum ed ha proceduto alla selezione del personale, nonché capire il rapporto di lavoro che la regolarizza e che ovviamente è a cura della Pro Loco. Siamo consapevoli che due ore sono poche ma anche l’Associazione, da parte sua, si è già attivata per ottenere il servizio civile e garantire un orario di apertura più ampio. Tutte precisazioni che erano comunque contenute nella relazione di cinque anni della Pro Loco.

Infine a chi mette in dubbio che non siano stati chiesti permessi vari per varie manifestazioni e fa di due ore di musica in tre sere d’estate uno dei problemi più gravi di Borgo San Lorenzo, facciamo semplicemente un invito: passare dalla nostra sede. In campagna elettorale non siamo mai stati ufficialmente interpellati da nessuna delle forze che ora sono all’opposizione. Forse è il momento di parlarne e di confrontarsi dal vivo e davvero: la Pro Loco è aperta a tutti e al contributo di tutti e non vogliamo essere strumentalizzati per questioni politiche che non ci riguardano.

E a chi ha la memoria corta o fa finta di non sentire ricordiamo che la Pro Loco non si fa nella stanzetta dietro ad una tastiera del pc e non si fa per tirare a lucido l’ego un po’ appannato.

Si fa perché ci stanno a cuore Borgo e i borghigiani.

Tanto volevamo precisare con l’augurio per tutti di trovare sempre più occasioni di confronto e proprio alla vigilia di uno degli eventi più importanti, non solo per la Pro Loco, ma per tutta la comunità borghigiana. Se vi va passate a trovarci, noi siamo ad organizzare il Palio di San Lorenzo.

Buona festa del Patrono a tutti!

 

Il Presidente e il Consiglio della Pro Loco di Borgo San Lorenzo