Bilancio positivo per l’Ingorgo Letterario

E’ stata davvero una bella invasione pacifica quella che si è vista sabato 23 e domenica 24 novembre a Villa Pecori Borgo San Lorenzo (FI) in occasione della seconda edizione di Ingorgo letterario, Festival del libro e degli autori promosso e organizzato dall’Assessorato alla cultura del Comune di Borgo San Lorenzo in sinergia con la Pro Loco borghigiana. Un’invasione di libri, di autori, circa 80, di case editrici, oltre 20 tra presenti e rappresentati, e soprattutto di lettori. Amanti del giallo o della narrativa, della poesia o del fantasy, passando per storia, tradizione, cucina e musica hanno trovato a Villa Pecori tanti spunti di lettura, tra novità e classici.
Importanti le collaborazioni che hanno portato al successo di questa seconda edizione. Quella con lo SDIMM, il Sistema Documentario Integrato Mugello-Montagna Fiorentina coordinato dall’Unione Montana dei Comuni del Mugello, grazie alla quale è stato possibile aprire le porte di Ingorgo già dal venerdì in un’anteprima speciale Davide Cerullo che ha fatto il pieno di emozioni tra studenti ed adulti e durante la quale è stato presentato “Un monte di libri” progetto di promozione alla lettura per i ragazzi da 11 a 14. E sempre grazie allo SDIMM e alla collaborazione con il Centro Studi Campaniani “Enrico Consolini” di Marradi Ingorgo ha celebrato la poesia di Dino Campana. Eccezionalmente era possibile ammirare dal vivo la prima edizione dei Canti Orfici stampata a Marradi nella tipografia F.Ravagli nel 1914, nonché tutte le pubblicazioni del Centro Studi ed approfondire la conoscenza del poeta marradese attraverso due importanti iniziative: una passeggiata trekking sui passi di Dino e Sibilla nei dintorni di Borgo San Lorenzo a cura di Terraetrekking e due appuntamenti con le colazioni poetiche del caffè letterario curate da Marco Paoli e Live Art. Infine sempre grazie alla collaborazione con SDIMM Per il progetto “Scritti&Scrittori dal mondo. Incontri in città” è stato possibile conoscere dal vivo Domenico Quirico, il giornalista e scrittore de La Stampa, uno dei più grandi inviati di guerra del nostro tempo.
E poi ancora l’interessantissimo seminario dell’Accademia della Crusca con la Prof. Angela Frati che domenica alle 10 è riuscita a catalizzare l’attenzione di un numerosissimo pubblico sul tema dei cambiamenti della lingua italiana, un evento reso possibile grazie alla collaborazione con il Bookclub lettinsieme di Borgo San Lorenzo, una delle anime di Ingorgo Letterario. E si deve proprio alle associazioni del volontariato culturale la vivacità di questa seconda edizione del festival: Lo Scrittoio, gli Amici delle Biblioteche, Non faremo molto rumore per nulla, Music Valley, la Compagnia Teatrale Il Piccolo, Live Art e Marco Paoli, In verde con Stile, la Scuola di Ricamo, insieme hanno contribuito al successo dell’evento sentendoselo sempre più addosso.
“Sono molto soddisfatta di questa edizione – commenta Cristina Becchi Vice Sindaco e Assessore alla Cultura – che ha segnato un passo diverso rispetto alla prima che pur era andata bene. C’è stata l’attenzione dell’Unione dei Comuni, l’attenzione della stampa e dei media. Per essere una manifestazione così particolare e così di nicchia organizzata in un paese e non una città direi che stiamo facendo davvero bene. Certamente ci sono sempre cose da correggere e da migliorare ma in una società che sta andando ad una velocità pazzesca credo sia necessario fare un passo indietro e riappropriarsi del nostro tempo. A questo deve servire la cultura e in questa direzione va il lavoro del mio assessorato. Lavoro che quest’anno è stato premiato anche dalla partecipazione delle scuole che ha fatto la differenza: in collaborazione con la scuola lavoriamo per formare le coscienze degli uomini del domani e mi fa piacere che proprio la scuola abbia colto le opportunità date da un festival come Ingorgo Letterario.”
“Tanta partecipazione sperata ma non scontata – è il commento di Alessio Capecchi presidente della Pro Loco di Borgo San Lorenzo – e questo vuole dire che siamo sulla strada giusta. La Pro Loco è un’associazione culturale e quindi deve promuovere la cultura. Siamo felici per la risposta del pubblico e degli autori stessi. I volontari della Pro Loco, che ringrazio di cuore, hanno fatto un lavoro immenso, destreggiandosi abilmente tra le varie presentazioni, l’accoglienza al pubblico e agli autori nonché la strepitosa partecipazione come “attori” alla cena con delitto mettendosi in gioco con ironia ed impegno. Mi preme ringraziare Cristina Becchi Assessore e Vicesindaco per il suo sostegno e la collaborazione sempre attenta e preziosa. Infine vorrei sottolineare Il lavoro immane che è stato fatto a monte per organizzare un evento di questo genere. Per fortuna abbiamo un’eccellente Direttrice artistica, Serena Pinzani, alla quale va tutto il nostro ringraziamento per tutti questi mesi di lavoro e per questi tre intensi giorni di Ingorgo Letterario”.
Tutte le foto e le interviste di Radio Ingorgo le trovate sulla pagina facebook del Festival. Un ringraziamento speciale a Matteo Cecchini per aver ideato e organizzato RadioIngorgo, la radio web ufficiale, voce narrante e accogliente del Festival.